window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'G-WR0YD2Y6C6');
ARC+ al via: Luca e il suo equipaggio euforici, felici e concentrati Previous item Il Class 40 Flow chiude... Next item Segui l'Ocean Race ARC + 2021

ARC+ al via: Luca e il suo equipaggio euforici, felici e concentrati

È ormai finita l’attesa lungo le banchine del porto di Las Palmas per Luca Sabiu e i suoi allievi di Mastersail. La flotta della Arc+ è partita ieri, domenica 7 novembre, per la traversata dell’Atlantico passando per l’arcipelago di Capoverde. E avventura sia…

C’è chi ha detto che “l’attesa del piacere è essa stessa un piacere” e deve essere proprio così per Luca Sabiu e il suo equipaggio che dalle banchine del porto di Las Palmas (Canarie) hanno trascorso le ultime settimane ad aspettare di lasciare gli ormeggi con il loro Class 40 Flow e finalmente attraversare l’Atlantico. L’obiettivo di prendere parte alla celebre Arc+, il rally velico in flottiglia, nell’ambito del progetto “Ocean Race ARC+” in cui il navigatore e sailing coach italiano porta con sé in questa fantastica avventura un gruppo selezionato di allievi della scuola Mastersail, ha preso il via.
Erano tantissimi gli equipaggi che come quello di Flow si ritrovavano indaffarati e sorridenti a ultimare i preparativi prima del “salto Atlantico”. Tante barche di tutte i tipi e dimensioni, tante bandiere e guidoni sventolanti al vento dell’Aliseo. Insomma un bel clima di festa e di sana euforia per quella che si sente come una grande sfida in oceano.

Dalla modalità “check up” a quella “regata”

Del resto l’ambizione di alzare il livello della propria formazione velica e diventare skipper oceanici è alla base del progetto “Ocean Race ARC+” ideato da Luca Sabiu per questo 2021 e siamo sicuri che tutto l’equipaggio sotto la sua sapiente guida farà di tutto per sfruttare al meglio questa incredibile opportunità di migliorarsi come velisti, approfondire tecniche di navigazione e trucchi da marinaio, gestire le risorse di bordo e analizzare il meteo.

Una rotta lunga e impegnativa sulla scia degli Alisei

E allora oceano sia visto che la Arc+ ne prevede parecchio. Originariamente lanciata in risposta alla crescente popolarità della classica Arc, la rotta della Arc+ porta infatti i partecipanti ad attraversare l’Atlantico da Gran Canaria ai Caraibi passando per l’arcipelago di Capoverde. Attraversare l’Atlantico dalle Canarie via questo arcipelago portoghese permette alle barche di sfruttare al meglio gli Alisei di Nord-Est visto che la latitudine della flotta, a 16º50’N, è proprio nel percorso di questi venti oceanici che consentono una lunga navigazione verso i Caraibi.

Scalo strategico nell’arcipelago di Capoverde

La prima tappa per Luca, Flow e gli allievi di Mastersail prevede una navigazione di circa 850 miglia che richiede dai 5 ai 7 giorni fino a Mindelo Marina, São Vicente. Qui l’equipaggio avrà l’opportunità di scoprire l’incantevole cultura locale, la vivace vita notturna e i mercati alimentari utili per fare cambusa e che rendono Capo Verde un luogo assolutamente affascinante da visitare. Dopo uno scalo di 4 o 6 giorni, Flow finalmente attraverserà l’Atlantico con destinazione Port Louis Marina, sull’isola di Grenada (Caraibi). Il passaggio fino all’arcipelago caraibico è di circa 2.150 miglia e richiederà dai 12 ai 16 giorni. Ma questo è tutto rimesso alla testa e al cuore di questi aspiranti skipper oceanici. Buon vento ragazzi!