window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'G-WR0YD2Y6C6');
Routage e meteo: da Gibilterra In Oceano Previous item Traversata atlantica Next item CVC e Luca atterrano a...

Routage e meteo: da Gibilterra In Oceano

ANALISI METEO E ROUTAGE :Ed è di nuovo Oceano, finalmente si parte.

Era importante e non banale scegliere il timing migliore e considerare tutti i fattori in gioco.

Per attraversare lo stretto in uscita dal Mediterraneo conviene navigare con il “Levanter” per vincere la corrente che sarà sempre contraria: l’ideale è avere un vento sostenuto ma non forte, in quanto soffiando contro-corrente, solleverebbe onde corte e frangenti.

E’ poi necessario consultare l’atlante delle maree per poter sfruttare il flusso favorevole della corrente di marea che attenua il flusso complessivo con un inversione ogni 6 ore circa. Vogliamo attraversare poi lo stretto nelle ore diurne, per avere la massima sicurezza nell’attraversare una zona che è tra quelle maggiormente trafficate al mondo.

Deciso l’orario, navigheremo inizialmente nelle vicinanze della costa spagnola dove gli effetti della corrente sono più favorevoli all’uscita e accosteremo verso Sud-Ovest una volta oltrepassato lo schema di separazione del traffico, mantenendoci però distanti dai marosi di Cabo Espartel.

Una volta in Oceano, l’instaurarsi di una dorsale anticiclonica crea nella prime fasi della navigazione uno stretto passaggio di vento tra la costa africana e la dorsale stessa; sarà importante posizionarsi su questo canale di vento seguendo la soluzione proposta dal routage: non troppo vicini alla costa, non troppo vicini alla dorsale e monitorando vento, nubi e pressione.

Dante Team routier